Ottod’Ame

Quanto tempo. Quanto tempo perso. Quanto tempo perso online alla ricerca dell’outfit perfetto per questo autunno sempre più piovoso e freddo. Eppure, proprio tutto questo tempo può fruttare qualcosa di buono, l’incontro con un marchio tutto italiano che dona nuova ispirazione e ragion d’essere alla domanda “cosa mi metto oggi?” (sempre seguita dal lamentoso “non ho niente da mettermi).

Certo conoscevo già Ottod’Ame, che a dispetto del nome non propone abiti da principesse segregate nelle torri medioevali, ma mai avevo esplorato così a fondo le sue proposte, nate dalla mente della stilista Silvia Mazzoli, fondatrice e direttore creativo del brand toscano.

I tessuti di questa stagione fall winter si colorano di toni caldi, caramello, oro, tocchi di bordeaux, e i colori della terra, cacao, daino e beige, mentre i motivi animali trionfano: tigri, cavallini, ma anche dinosauri disegnati con leggerezza

Altra peculiare fantasia è la wowman, donne volanti che tappezzano abiti e t-shirt tra atmosfere oniriche e ironia fumettistica

Il tartan si fa British rock, da accostare al denim e alle fantasie maculate

I capi spalla sono proposti in stile Kimono, morbidi e fluttuanti, rigorosamente over

Il gioco delle sovrapposizioni è più che mai consigliato, così come lo spirito folk nelle camicie e nei pantaloni anni settanta illuminati dai grandi fiori fluo

Il logo “O” si ripete sulle camicie e i completi dedicati al tempo libero, ma anche sulle borse round e sulle cinture

C’è anche posto per i tessuti damascati, gobelin e jacquard nel mondo Ottod’Ame

Così come per i velluti sportivi a coste oppure morbidi e raffinati. Sotto ritroviamo stivaletti alla caviglia ma anche zoccoli sabot e sandali invernali tartan

E io cosa ho pescato in tutto questo?

La gonna a coste larghe

Abbinata alla maglia over di ciniglia “La Coccinella”. E anche sull’utilizzo di maglioni e felpe over ci sarebbe molto da dire… ma questa sarà un altra storia! Per oggi la chiudo qua, spero di aver ispirato qualcuno di voi 🤗.

Annunci

Blazer

Un outfit autunnale si compone di molti capi, a cominciare dalle calze per finire con il cappello, per questo trovo più interessante la moda di questa stagione: quanti più strati, tanto più divertimento! E sopra a tutto, un bel capospalla come il blazer, nato maschile ma con molte declinazioni al femminile

Classico gessato firmato Dixie, impunemente abbinato alla gonna a righe, del l’autunno riprende il colore che fa pensare alle foglie secche e alle castagne, alla terra umida del bosco, ai rami spogli. Semplice e pragmatico

Cos e la rivisitazione della giubba da operaio, sportiva e priva di snobismi

Penny black ovvero la classe non è acqua, qualsiasi sia l’occasione di indossarla. Monopetto check grigio ferro o giacca dandy a punte nobilitata da quadrettino leggero. Trovo che l’accostamento con il dolcevita zafferano sia ineccepibile

Mac & Co doppiopetto cropped, grintoso adolescenziale

Benetton salva tutti. Per me gli store benetton alla fine sono proprio questo, la miniera di capi basici ma trendy, pratici ma non noiosi, e quasi sempre con un buon rapporto qualità prezzo. Capito perché Uniqlo alla fine non ci serve?

Urban Outfitter. Non ci starebbe proprio nella categoria blazer, ma un capo sportivissimo e dal colore improponibile serve per spezzare la monotonia. Per le ragazze che bucano in tangenziale.

Pull&bear ovvero la sintesi della tendenza di questo 2018: velluto a coste e tartan, baggy trousers e maxi cardigan, il rosso fragola e i colori accesi. La t-shirt semplice bianca sotto la giacca è da imitare.

Tessa. La qualità è superiore e si vede tutta. Doppiopetto maschile per donne grintose. Già, ma siamo sicure che la grinta è tutto? Vi lascio con questo dubbio amletico. Io intanto rimango con la domanda che mi ha tormentato da lunedì: ma lo voglio veramente un blazer? 🤔

Milano Fashion Week

I rumori, i colori, il traffico, le luci, la gente, tanta gente. Mentre la settimana della moda si spegne e se ne va, ecco alcuni flash del suo passaggio, catturati questa volta da me medesima

Street trend in Piazza Duomo.

Il nuovo Zara

La fotografa con le Dansko ai piedi

Street trend

In attesa della sfilata

Colazione da Pascucci: pantaloni Stefanel, top Dixie, borsa Vintage, collana artigianato vietnamita.

Milano fashion week: la sfilata di Gabriele Colangelo

La splendida Sala delle Cariatidi a Palazzo Reale di Milano è stata l’elegante cornice della sfilata di Gabriele Colangelo dedicata alla collezione primavera estate 2019.

Il rigore dei tagli la raffinatezza dei colori e la sobria eleganza delle stoffe e dei disegni determinano l’insieme della collezione, dimostrando il grande lavoro di ricerca che ne sta alla base. Ma vorrei lasciar parlare le immagini.

Pattern. Protagonista la stampa fantasia che “sporca” la tela bianca di abiti e camice.

Check. La stampa quadri si impone su chemisier, cappe e tailleur.

Orange. Portato in abbinamento con colori come sabbia e blu diventa un punto luce d’effetto.

Punto vita. Sottolineato da cinture e marsupi

Green. In abbinamento con il nero e bianco ne illumina la severità

Accessori marsupi legati in vita e secchielli portati sottobraccio

Preziosità. Come l’iridescenza dell’abito arancio che contrasta con il trench sabbia

Lunghezza. Gonne midi trench ai polpacci pantaloni al limite suola, a coprire abbondantemente la caviglia.

Total White. Che in estate non può mancare mai.

Glossy la pelle lucida avvolge le stoffe leggere e fluttuanti degli abiti sottoveste

Militaresco ma con la banda frontale

Un grazie come sempre per l’invito che Gabriele ha voluto ancora una volta rivolgermi e arrivederci alla prossima Milano Fashion Week.

NYF Week

Si è appena conclusa la New York Fashion week, tra alti e bassi a quanto sembra dalle recensioni riportate in questi giorni da varie testate giornalistiche online. Ma al momento non voglio dedicare le mie attenzioni alle collezioni primavera estate 2019 (!) presentate sulle passerelle, bensì alle tendenze della stagione proposte dalle guru della moda invitate a presenziare gli eventi glamour.

Scatti rubati in mezzo alla strada e pubblicati su Instagram da Streetrends, ci consentono di verificare alcune tendenze attuali. La lunghezza dei pantaloni, ad esempio, che ritorna a filo suola a ben coprire il piedino, e a vita alta. Beninteso, continueranno ad usarsi i panta coulotte (miei amati) e i calzoni alla caviglia, ma sempre di meno…

Pizzo. Non lo amo, ma rimane un punto fermo delle fashion victims (vedi anche i pantaloni di cui sopra).

Chemisier. L’uso di camicioni sopra i jeans o i pantaloni sono ancora un must della moda autunnale, nella versione sporty o, come in questo caso, più elegante.

Mini bag. Si parla anche del ritorno delle borse oversize, ma al momento la tendenza è più verso le piccole tracolline o le clutch da portare a mano, meglio se borchiate o sagomante in forme inusuali, o i mini secchielli furry.

Stivaletti calzino. Inizia come una calzatura normale e continua avvolgendo la caviglia aderente come una calza, anche nella versione sneaker o stivale. Vedi Fendi.

Cos’altro aggiungere alle immagini? Il Check spopola, senza ombra di dubbio.

E se siete amanti della scarpa da ginnastica sotto la gonna, direi che questa versione con la plissé silver possa rassicurare la solidità della tendenza.

Concludo con qualche foto icona di questa settimana newyorchese che ha fatto il giro del web: l’influencer Anna Dello Russo in abito Oscar de la Renta

La figlia di Madonna, Lourds, con le gambe parzialmente pelose. Contenta lei.

E la streetrend Milanese? Confermo la mia fede in Cos! 🤗 e per oggi è tutto! Buona vita.

Tutti pronti

Il segreto è capire che tipo di persona siamo e poi buttarci nella mischia.

FURRY

La pelliccia non tramonta mai ma si modifica: non più solo giacche o cappotti, manicotti e colli, ma anche accessori. Borsetta Stefanel

GLOSSY

Il vinile è tanto scomodo da indossare quanto bello da vedere. Per le effervescenti che non hanno paura di sudare: mini gonna pepejeans e shopper Mia Bag.

COLLEGE

È lo stile bon ton autunnale, molto ritorno sui banchi di scuola. Velluto e tartan, con la giacca &OtherStories e la gonna a ruota Kontatto.

CARTELLA

Quest’autunno non si può fare a meno di una borsa stile cartella, con profili rossi Cafè noir, seriosa professionale Max Mara

CAPPA

Per i primi freddi, per le ragazze con le braccia ingessate, per chi non usa zaini o tracolle. Made by Twin Set.

Fate il vostro gioco, pronti?…. Via!

Nodo alla gola

Continuo a scrutare la Fall winter 2018-19 come hobby preferito prima del gong che segnerà il rientro al lavoro, tra una pratica Ashtanga e l’altra, ovvio. E condenserei le novità con due parole: sciarpa e foulard!

La stampa foulard è irrinunciabile. Questo abito di Emilio Pucci ne è un esempio, ma si può dire che praticamente tutte le case di moda hanno strizzato l’occhio alla tendenza foulard, anche con qualche piccola esagerazione

Come il turbante e foulard-piumino, utilizzato sempre da Emilio Pucci

Da Antonio Marras,

E da Christopher Wijnants, in versione monocromo con l’abito sottostante.

Versace gioca al multi fantasia, in abbinamento con bustier e stivali neri, per una versione più aggressive woman

Che sfocia nella donna Arlecchino un filo anni ’80!

Sempre Versace manda in passerella il trend sciarpone da stadio.

Sposato anche da MSGM, in versione sporty red, che preferisco.

Dries Van Noten aggiunge al completo in stampa foulard anche le frange, altro trend autunno invernale ereditato dalle passate stagioni

Richard Queen si sbizzarrisce con fantasie floreali e stripes, colori pastello e sovrapposizioni sorprendenti. Tutto chiaro? Ma vi ci vedete voi con la stampa foulard? Debbo dire che la sottoscritta ha qualche dubbio 🤔… magari la sciarpona da tifoso… 😂😂